Archivi categoria: Hotel e locande

In vacanza con Barbara Millicent Roberts 

In vacanza con Barbara Millicent Roberts (ma si, Barbie!) ci sono andata per tanti anni, dalla materna fino alla quinta elementare. Prima di partire per le ferie le facevo la valigia mettendo dentro costumi, accessori, abiti da sera, ecc. Molti erano comprati in cartoleria o nei negozi al mare dove trovi di tutto, ma tanti erano anche fatti a mano da mamma, nonna, maestra… Barbie viveva sempre avventure memorabili, in campeggio, alla ricerca di tesori, durante feste in crociera, sempre con le sue amiche e all’occorrenza di un cavaliere, con Ken. Niente  trasposizione della vita quotidiana ma avventure degne dei migliori telefilm anni 80. Le giornate passavano in un attimo e ogni occasione era buona per prendere spunto per il successivo “gioco mondiale” – così lo chiamavamo – da fare con le mie amiche. Forse sarei impazzita se mi avessero accompagnato in un posto pieno di Barbie, come ad esempio i due di cui vi vorrei raccontare. In Sardegna, al Forte Village Resort (http://www.fortevillageresort.com/it/bambini-ragazzi/barbie-al-forte-village/) hanno ricreato il mondo di Barbie proponendo alle bambine dai 2 ai 10 anni un’esperienza unica per far vivere loro una intera settimana in compagnia di Barbie. Camere da letto arredate con prodotti Barbie, un beauty-case pieno di saponi e profumi, una bambola come regalo di benvenuto, festicciole a tema, laboratori, lezioni di danza sulle note delle canzoni dei film che hanno come protagonista la nostra amata B. Millicent. Cosa darei per provare una settimana in rosa! Ken off-limits ovviamente.

Ci spostiamo a Bologna, dove a Palazzo Albergati (http://www.palazzoalbergati.com/ ) fino al 2 ottobre 2016, c’è una mostra bellissima dedicata a Barbie, con pezzi unici, da collezione, da sogno! Ho trovato diverse Barbie che avevo, come la Barbie Superstar, la mia preferita. C’è pure Millicent, la prima prodotta, che ancora non ti guardava negli occhi, forse cercava qualcosa di più chic degno della sua attenzione. Poi la Barbie Cowboy-girl con un completo bianco degno di J.R., la Barbie ricciolona uscita dalla Casa nella Prateria, quella vestita da aerobica come Jane Fonda, la vamp con orecchini di diamante che se fossero stati veri le avrebbero rotto il collo.

Insomma, in questa estate rosa voglio lasciare un messaggio: grazie Barbara Millicent, mi hai fatto tanta compagnia e mi hai insegnato a scegliere le scarpe per ogni occasione!

Annunci

10 cose da mettere in valigia

Ogni anno parto per le vacanze lunghe intorno alla metà di agosto, quando tutti tornano. Un po’ per motivi organizzativi, un po’ perché mi piace pensare che tutti sono rientrati a casa e io invece sto partendo. Quasi come quando da piccola contavo quante patatine toccavano a me e quante a mia sorella e riuscivo sempre a guadagnarne una in più con un numero di illusionismo.Fare la valigia per questa occasione è sempre frutto di lunghe riflessioni e mi piace dedicare una giornata intera a questa attività – leggermente maniacale ma a me piace così.

Oltre all’abbigliamento e al necessario per la spiaggia – si, vado sempre al mare – ho stilato negli anni una lista di 10 cose da non dimenticare che ora vi elenco (popolo maschile, non tutto vi si addice).

1. LIBRI LIBRI LIBRI. Non c’è nulla di più bello che rilassarsi al mare con un bel giallo o un romanzo divertente. Lasciate a casa libri troppo impegnati o che vi fanno venire pensieri tristi e dedicatevi a qualcosa che faccia scattare lo Zsa Zsa Zu letterario!

2. CAPPELLO DI PAGLIA. Perche è bello, lo puoi portare solo in vacanza, ripara dal sole ma fa passare l’arietta fresca, ti fa sentire un po’ Indiana Jones un po’ Pollyanna…e sta bene quasi a tutti.

3. CUFFIE PER ASCOLTARE LA MUSICA. Fatevi una playlist dell’estate e cantate forte in spiaggia, tanto chi vi conosce?

4. KIT DI OLII ESSENZIALI. La mia amica americana Toni me li ha fatti scoprire e mi ha consigliato un kit di base per “principianti”: menta piperita, lavanda, arancio dolce, limone, tea tree. Lenitivi, rilassanti, antiparassitari, antisettici, antispasmodici…

5. UNA YANKEE CANDLE. Rimaniamo in argomento profumato e mettiamo in valigia una delle cose più presenti in casa mia: una candela profumata, per la precisione una Yankee Candle. Vi consiglio per l’occasione profumazioni come “pineapple cilantro” o “pink sand”. Immaginate il piacere di tornare nella vostra camera e mentre vi fate la doccia la candela comincia a spadere il suo profumo….che meraviglia.

6. UN PAIO DI BALLERINE. Stanno bene con tutto, si portano in ogni occasione e ti fanno sentire elegante dall’altezza di un semplice centimetro.

7. UN FOULARD. Vagando su internet ho trovato tanti modi per utilizzarlo e non vedo l’ora di provare! Può diventare un top, un coprispalle, una borsetta, una fascia per capelli…provate anche voi!

8. UNA MOLESKINE. Non un quaderno qualunque, ma una Moleskine con copertina nera morbida ed elastico per chiuderla. Scrivetevi giorno per giorno cosa fate, dove andate, cosa vedete di bello, dove e cosa mangiate. Vi sarà utile quando vorrete ritornarci!

9. UN CUSCINO GONFIABILE. Sta nella borsa e non c’è nulla di più comodo per leggere o dormire.

10. TAPPI PER LE ORECCHIE. Me lo suggerisce un’amica alla ricerca di pace…ma non da mettere in spiaggia, perché il rumore del mare tonifica i sogni!

Dimenticato qualcosa? Non so, per quest’anno va così!

Agatha Christie è passata da punta San Vigilio

Sono stata accanita lettrice di Agatha Christie, collezionando nella mia libreria tutti i suoi romanzi. Una delle cose che mi è sempre piaciuta è l’atmosfera che riesce a creare, fatta di ambienti naturali idilliaci ma percorsi lo stesso da misteri misteriosi. Adoro le vecchiette con il golfino di lana, i colonnelli in pensione, le giovani con gli occhiali e il tailleur di tweed e le cameriere che si chiamano sempre Gladys, che popolano tutti i suoi romanzi. Ho scoperto un posto che avrebbe potuto essere scelto dalla Christie per un romanzo dal titolo “Assassinio nella limonaia” oppure “Unico testimone: un cigno”. Si tratta di Punta San Vigilio, sul Lago di Garda (http://www.punta-sanvigilio.it/), sin dal 1500 luogo dove attraccavano le imbarcazioni per far godere ai propri passeggeri molto spesso illustri -sono passati dalla camere della locanda re, zar, attori e statisti- i piaceri di un luogo incantato immerso nella natura. Se arrivi dalla strada, una volta parcheggiato, imbocchi una strada sterrata e arrivi ad un arco con merlature. In quel momento sai che stai per varcare un luogo unico. Ti trovi in un piccolo spiazzo sul quale si aprono le porte della locanda, di un piccolo negozio di oggettistica e di una limonaia m e r a v i g l i o s a: non si può entrare ma attraverso il cancello puoi vedere in lontananza una statua in stile classico e diversi vasi fra cui uno laccato blu veramente bello. Poi attraversi un altro arco e ti trovi nel piccolo molo con una distesa di tavolini dove prendere un aperitivo al tramonto (anche se io ci avrei passato la giornata) in compagnia di cigni bianchi e anatre selvatiche. Che spettacolo!!! 

P.s. Vi dico solo che sempre li, raggiungibile a piedi con una piacevole passeggiata, c’è una baia chiamata Baia delle Sirene…